Sei in Home > News - Archivio notizie > GRUPPO CONDOTTE: CONSEGNATA LA GALLERIA DI BASE DEL CENERI

Archivio notizie

04-07-2017

GRUPPO CONDOTTE: CONSEGNATA LA GALLERIA DI BASE DEL CENERI

Roma, 4 luglio 2017 - il Gruppo Condotte ha formalmente consegnato, secondo programma, la Galleria di base del Ceneri nelle mani della committente Alp Transit Gotthard AG (ATG), società partecipata al 100% dalle Ferrovie Federali Svizzere che darà ora corso all’esecuzione dei successivi interventi di posa dei binari e di realizzazione delle linee di trazione elettrica e telecomunicazioni.

Il contratto è stato acquisito dal Consorzio “CONDOTTE-COSSI-CENERI” (Condotte è leader al 75%, mentre le controllate Cossi e LGV partecipano rispettivamente al 20% e al 5%) nell’ottobre 2009 per un importo complessivo di circa 1,1 miliardi di Franchi Svizzeri (1 miliardo di Euro).

L’opera ha riguardato la realizzazione di due gallerie parallele, ciascuna delle quali di lunghezza pari a circa 15 km per oltre 2 milioni di mc di roccia scavata. I lavori hanno avuto inizio nel gennaio 2010 e hanno richiesto l’impiego di oltre 1 milione di mc di calcestruzzo, 9.000 ton di acciaio di armatura, 100 km di tubazioni per lo smaltimento delle acque e 1600 km di tubazioni per la protezione dei cavi.

La Galleria di base del Ceneri, attualmente il secondo progetto più importante in Svizzera per dimensione, collega Lugano con Bellinzona e si inserisce sulla direttrice ferroviaria Milano – Zurigo, parte della nuova trasversale ferroviaria alpina sull'asse del San Gottardo. L‘opera è di grande rilevanza per lo sviluppo del sistema ferroviario svizzero e di quello europeo per la realizzazione del corridoio Genova - Rotterdam.

Duccio Astaldi, Presidente del Gruppo Condotte, ha commentato: “siamo molto soddisfatti di aver consegnato l’opera nei tempi e costi previsti, con apprezzamento da parte della committente e della direzione lavori. Questo risultato è stato possibile grazie all’impegno e alla capacità delle nostre persone e alla collaborazione di tutte le parti coinvolte.”

Torna indietro